ASSI Ingegneria

Follow Us!

Generazione V.A.R.

L’Università “interroga” il calcio sul tema ‘Generazione V.A.R., frame e diritti tv, come cambia il calcio per immagini’. Un dibattito tra i protagonisti del calcio e gli studenti si terrà martedì 29 maggio 2018, alle 10.30, nell’Aula Ciliberto del Complesso di Monte Sant’Angelo.

A discutere con gli studenti federiciani ci sarà un parterre de roi: il presidente della SSC Napoli Aurelio De Laurentiis, il Designatore di serie A Nicola Rizzoli, il presidente dell’Aiac Renzo Ulivieri, il giornalista Mario Sconcerti. Modererà il direttore di Radio Marte Toni Iavarone, interverranno il Rettore Gaetano Manfredi, il Prorettore Arturo De Vivo e il Rettore Emerito Guido Trombetti.

Gli studenti, con relazioni e domande, interagiranno con gli ospiti sull’applicazione del Var nella serie A 2017-18, sulle prospettive future e su come la nuova vendita dei diritti televisivi possa trasformare il calcio.

Generazione V.A.R. è un evento che rientra nel programma F2 Cultura, in particolare ne Lo Sport in Accademia, e che si fonde con la manifestazione Football Leader 2018, che per la sesta edizione ha previsto un programma ricco e articolato. Conferenza stampa di presentazione il 22 maggio, convegno dell’Assoallenatori sabato 26 maggio (con allenatori e ospiti di FL), uno speciale evento sociale domenica 27 maggio e la premiazione del 28 maggio.

 

Start Cup Campania è il Premio per l’Innovazione promosso dalle Università campane e finalizzato a mettere in gara gruppi di persone che elaborano idee imprenditoriali basate sulla ricerca e l’innovazione.
E’ una vera e propria business plan competition il cui obiettivo è quello di sostenere la ricerca e l’innovazione tecnologica finalizzata allo sviluppo economico e alla nascita di imprese ad alto contenuto di conoscenza. La gara si inserisce nel contesto del Premio Nazionale per l’Innovazione (PNI), una competizione analoga organizzata a livello nazionale da diverse università italiane, alla quale prendono parte i vincitori delle edizioni locali.
Sono ammessi al Premio gruppi composti da almeno 3 persone fisiche, italiane e/o straniere, in cui almeno il Capogruppo rientri in una delle seguenti categorie:
• Docenti e/o ricercatori di una delle Università promotrici;
• Dottorandi e/o titolari di assegni di ricerca di una delle Università promotrici;
• Diplomati, laureati e/o dottori di ricerca che abbiano conseguito il titolo presso una delle Università promotrici dell’iniziativa nell’ ultimo quinquennio;
• Studenti iscritti regolarmente al momento della pubblicazione del bando di partecipazione presso una delle Università promotrici dell’iniziativa;
• Personale tecnico-amministrativo di una delle Università promotrici.

Per partecipare al Premio è necessario elaborare un’idea imprenditoriale innovativa basata sulla ricerca scientifica, in qualsiasi campo e indipendentemente dal suo stadio di sviluppo, purché frutto del lavoro originale del gruppo o di un singolo componente del gruppo.
E’ ammessa l’iscrizione dei gruppi che hanno partecipato alle precedenti edizioni, senza risultare vincitori, nonché dei gruppi vincitori purché presentino una nuova idea imprenditoriale.
La partecipazione è gratuita.
Per qualsiasi informazione potete consultare il link di seguito:
http://www.startcupcampania.unina.it/index.php
il regolamento è disponibile qui:
http://www.startcupcampania.unina.it/documenti/regolamento_SCC.pdf

 

Federica, la barca a vela progettata sviluppata e costruita dal dipartimento di Ing. Navale della Federico II, parteciperà alla prossima gara della 1001 VELA CUP è alla ricerca del suo equipaggio (i candida.ti devono essere studenti della FEDERICO II)

Per maggiori info e prenotazioni potete contattare il prof. Bertorello all’email bertorel@unina.it

 

Le elezioni studentesche rappresentano quel momento in cui si chiede alla platea studentesca la fiducia oppure il rinnovo di quest’ultima sulla base di traguardi raggiunti e/o di proposte da portare a compimento.

Nel caso di ASSI, mi sento di dire con convinzione che si tratta sicuramente di un caso in cui avviene un rinnovo sulla base della fiducia ottenuta negli anni: la nostra associazione esiste dal lontano 2005, è cresciuta negli anni raggiungendo innumerevoli traguardi cercando di non occuparsi solo ed esclusivamente di politica universitaria.

Questa lettera aperta è il frutto di un ragionamento fatto su dichiarazioni diffamatorie scritte dai colleghi dell’associazione Apotema: ho deciso di mettere nero su bianco dei pensieri su quanto avvenuto negli ultimi mesi al fine di dare una risposta alla gravi accuse mosse.

I cari colleghi dell’associazione Apotema hanno diramato un comunicato che a mio avviso un ragazzino delle scuole medie avrebbe scritto meglio e soprattutto con più personalità: fanno riferimento a fatti o cose senza citare mai ASSI quasi a voler indirettamente far ricadere le colpe su qualcuno o qualcosa quando l’unica realtà avversaria era proprio la nostra. A mio avviso sarebbe stato molto più elegante avere il coraggio di citare ASSI senza nascondersi dietro dei caratteri in helvetica 12 come fanno i migliori hipsters da tastiera.

Ricordo perfettamente quando a fine gennaio convocai il caro Presidente dell’associazione Apotema, Tommaso, nella nostra sede.

Sapete qual era il mio più grande sogno? Proprio quello che scrivono nel loro comunicato, non lo posso negare: fare delle liste insieme per evitare di farci la guerra nei due giorni elettorali e vedere l’intero Collegio di Ingegneria sotto l’unica bandiera di Confederazione degli Studenti al fine di impedire a chi si presenta ad un mese dalle elezioni (dopo essere stato eletto e scomparso) di riuscire a portare a casa qualche consigliere negli organi per cui si vota.

La risposta che ho ricevuto è stata un secco “No, grazie”. Ci ho pensato, ma davvero tanto: non mi hanno chiesto perché volessi unire l’intero Collegio, non hanno chiesto informazioni sulla mia proposta, mi hanno detto semplicemente “No, grazie”.

Il preambolo era semplice, Apotema aveva due rappresentanti eletti al DICEA nel biennio 2014 in concomitanza con il mandato che ho svolto personalmente al dipartimento e la loro partecipazione era pressoché nulla; nel 2016 avevano un rappresentante eletto al DICEA, ed i verbali testimoniano che è stato presente a 6 consigli su 24.

Si, avete capito bene, 6 consigli su 24.

A mio avviso l’associazione Apotema non esisteva al DICEA, dunque la proposta era chiaramente quella di provare a costruire qualcosa insieme.

Considerato il rifiuto ricevuto, credevo fosse assolutamente lecito iniziare a mettere in campo azioni e strategie al fine di vincere le elezioni. Loro la chiamano “guerra”.

Ribadisco, si tratta di un’elezione! Avete mai visto un’elezione in cui si dice all’avversario “quanto sei bravo”? 

Ecco allora il motivo del comunicato confezionato ad hoc in cui mi sono preso la responsabilità di definirli impresentabili. 

Si, cari ragazzi, per me lo erano.

Sono attivo nella rappresentanza studentesca dal 2014 grazie alla splendida famiglia associativa che mi ha accolto, ci ho speso tempo, passione e dedizione perché ho sempre creduto in un’università migliore e trovavo assurdo che degli assenteisti per natura che non hanno mai fatto nulla per gli studenti dovessero passare per quelli che invece esistono e sono sempre stati al fianco degli studenti.

Tommaso di recente mi ha chiesto perché avessi proposto a degli assenti di fare delle liste insieme, se per me quest’ultimi fossero così poco funzionali alla causa della rappresentanza. Voglio che la risposta sia pubblica.

Credo, anzi spero, che ASSI in questi anni abbia rappresentato un modello da seguire per l’intero Ateneo, un riferimento. Parliamo della associazione studentesca di Ingegneria più grande d’Italia ed allo stesso tempo dell’associazione studentesca più grande del sud Italia. A mio avviso, una chiamata atta a fare un percorso insieme dovrebbe solo onorare la persona che riceve l’invito.

Ora, a seggi chiusi posso fare un’ analisi più concreta di quanto accaduto e, posso dirvi di essere felice di non aver fatto una lista con Tommaso e con Apotema.

Sapete perché? Dietro quel “No, grazie” non c’era la volontà di non fare la “guerra” bensì qualcosa di più grande.

Mi piace definire questo qualcosa che ora vi spiego come il più grande scempio creato ad Ingegneria negli ultimi anni.

Tommaso ed Apotema lo negano, ma i miei occhi che l’hanno visto e tantissimi elettori possono confermarlo: avevano stretto un accordo con Link (posso essere più diretto, definendolo porcheria), pur di scardinare un consigliere ad ASSI.

Non so quale sentimento può spingere un’associazione a compiere un atto del genere, se non vi sembra eclatante ancora nelle prossime righe capirete il motivo per cui sono così sdegnato.

E’ necessario un piccolo cappello introduttivo su questa tematica: Link, sindacato universitario, è una realtà studentesca dichiaratamente schierata a sinistra.

Due anni fa si sono presentati con delle liste ad Ingegneria portando a casa un consigliere al DII, uno al DIETI ed uno alla Scuola Politecnica; nel 2014 si presentavano con lo slogan voto “nessuno”.

Li avete mai visti? Personalmente no, alla Politecnica sono stati assenteisti al massimo senza muovere un dito per gli studenti.

Quest’anno hanno cambiato nome, la loro lista si chiama “Studenti Indipendenti” ma la sostanza non cambia.

Apotema nega l’accordo, ma tutti gli studenti del DIST avevano in mano un fac-simile con i nomi di Studenti Indipendenti. Come lo definite questo? Semplicemente accordo!

Allora quando le due realtà più assenteiste della Scuola Politecnica, prive di contenuti e che non hanno mai mosso un dito per gli studenti si alleano quello che ne viene fuori è semplicemente, come lo definivo prima, il più grande scempio che si poteva realizzare a questo giro elettorale.

E’ solo grazie ad apotema che ho pensato di scrivere questo comunicato così che la platea studentesca possa leggere queste righe esplicative di tutto quanto accaduto.

Veniamo ora alle note dolenti.

Apotema ha candidato in tutto 12 persone, mentre ASSI che come storicamente fatto esprime rappresentanti in ogni organo, vantava una lista di oltre 140 candidati.

Mi rendo conto che vivere da minoranza non è facile, ma inizio a pensare che per Apotema, quel sentimento di invidia insito nel non riuscire a fare rappresentanza in modo dignitoso e che non consente loro di esprimere consiglieri in ogni organo, offusca leggermente le loro menti.

I nostri ragazzi si sono candidati credendoci fino all’ultimo voto, ed è chiaro che siccome si tratta di un’elezione in cui si concorre per qualcosa è necessario mostrare alla platea il proprio volto.

Ci hanno mosso accuse assurde come quelle di aver utilizzato i plotter dell’università, ed onestamente mi sento di scrivere che non è mossa nemmeno in modo corretto.

Scrivono che non abbiamo mai prenotato ore di plotter ma che abbiamo approfittato di 10-15 minuti residui di ogni ora per stampare manifesti.

Ma vi sembra realizzabile? Stare giornate intere in sala plotter ad attendere che qualcuno possa concedere 5 minuti della propria ora di stampa? 

Allora è palese che quando mancano i contenuti e si perde si inizia ad infangare chi vince.

Leggo in tutto quanto accaduto un solo sentimento: hanno perso e non sanno a cosa appellarsi.

Hanno perso e lo posso mettere finalmente nero su bianco: ASSI ha totalizzato 3247 preferenze alla Scuola Politecnica ed Apotema scarse 250.

Il commento di questi numeri non è un atto dimostrativo della grandezza del risultato della nostra associazione, bensì serve a sottolineare che se fosse come scrive Apotema e cioè che i nostri atteggiamenti sono stati poco corretti nei due giorni elettorali, secondo voi ci sarebbero state file anche di 30 minuti ai seggi?

Credo proprio di no.

Al DICEA, ASSI porta a casa 7 consiglieri ed Apotema 1, un motivo deve pure esserci.

Il risultato di circa 130 voti raggiunto è il frutto di una politica fatta su “amici e parenti”.

Si, cari ragazzi, ho visto con i miei occhi i candidati di Apotema portare alle urne solo amici, salutati prontamente con un bacio a destra e sinistra sulle guance a testimoniare il voto dato solo perché era un amico.

Quanti effettivamente hanno votato Apotema per il lavoro svolto nei 4 anni precedenti o per il loro ricchissimo programma?

Lascio ai lettori un momento di riflessione utile a capire com’è andata veramente anche sulla base dei numeri scritti prima.

ASSI esiste dal 2005, ogni anno cambia pelle e si mette a disposizione degli studenti, senza giochetti sporchi, comunicando la realtà avendo il coraggio di scrivere fatti oggettivi in post social e non solo.

Se chi si sente chiamato in causa preferisce urlare in maniera populista pur di non ammettere la sconfitta, non fa altro che lanciare un messaggio macabro che ogni studente coglierà.

Le elezioni di quest’anno sono state per me e per l’associazione un crocevia fantastico: infrangere ogni record di preferenze esistente è il chiaro segno di una fiducia basata sui contenuti e per la quale sono davvero fiero.

La sfida però inizia ora, continuare a fare quello che si è sempre fatto cercando di miglioraRsi sempre di più ed essendo sempre dalla stessa parte, quella degli studenti.

Ad maiora

Antonio Chianese

ASSI Ingegneria

Boeing Open Day

La Boeing, leader mondiale del settore aerospaziale, e i suoi partner interverranno alla terza edizione del Boeing Open Day organizzato per la mattinata dell’11 giugno (ore 9,30) a Napoli nell’Aula Magna di Ingegneria a Fuorigrotta dalla testata universitaria Ateneapoli in collaborazione con l’Università Federico II e l’Università della Campania “Luigi Vanvitelli”. Accesso libero fino ad esaurimento posti.

Nella mattinata, inoltre, studenti e laureati potranno presentare alle aziende presenti, in un tempo massimo di 2 minuti, idee e proposte mirate per il settore aerospaziale, spaziando dai materiali alla logistica. Le proposte saranno poi valutate ed eventualmente approfondite con le aziende.

Idee – Gli interessati alla presentazione di idee devono prenotare l’intervento inviando, entro il 7 giugno, una email con i riferimenti telefonici ed il titolo dell’idea all’indirizzo segreteria@ateneapoli.it

Curricula – Gli interessati ai colloqui con le aziende del settore aerospaziale devono anticipare il curriculum all’indirizzo: segreteria@ateneapoli.it

Ulteriori informazioni al link di seguito: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-boeing-

open-day-2018-…

Il giorno 22 maggio 2018 alle ore 14.00, presso l’aula ex SOFTEL (Via Claudio 21, Edificio 3/A, primo piano), si terrà un incontro con l’azienda Danieli & C. Officine Meccaniche S.p.A. e Danieli Automation S.p.A.

Danieli & C. Officine Meccaniche S.p.A . è leader a livello mondiale nella progettazione, costruzione e messa in servizio di macchinari e impianti chiavi in mano per l’industria siderurgica. Più di 9.000 persone in tutto il mondo sono impiegate in 25 business units che, oltre ad essere fondamentali per il business principale del Gruppo, sono impegnate in settori strategici quali la ricerca e sviluppo, l’automazione, la robotica e l’industria 4.0, il customer service, l’alluminio, i metalli non ferrosi e i cross products. Danieli Automation S.p.A. è la società del Gruppo Danieli specializzata nella progettazione e realizzazione della strumentazione, dei sensori e dei sistemi di controllo di processo per l’industria siderurgica. Inoltre fornisce anche sistemi di esecuzione manifatturiera e sistemi ERP.

L’incontro è rivolto a laureati/laureandi magistrali del DIETI, con particolare attenzione verso gli studenti di Ingegneria Elettrica, Ingegneria Elettronica, Ingegneria dell’Automazione, Ingegneria Informatica. E’ prevista una presentazione da parte dell’azienda, seguita da una breve sessione di contatti informali con gli interessati.

Saranno presenti all’incontro Matteo Bigollo (HR Danieli Academy) e Marco Ometto (Executive Vice President B.U. DIGI&MET & Danieli Automation Research Center).

 

Si comunica che per gli studenti iscritti ai corsi di studio delle istituzioni universitarie/accademiche (…) che accedono, contemporaneamente, agli insegnamenti dei percorsi formativi, la durata normale del corso di studio frequentato è aumentata di un semestre. La scadenza ultima per terminare studi risulta dunque fissata per il 31 settembre 2018 SENZA NECESSITÀ DI PAGARE LE TASSE dell’anno accademico, ad eccezione di quella di laurea e la tassa regionale.
Chi avesse già pagato le tasse in seguito al 31 marzo può richiedere un rimborso presso la segreteria.

Ulteriori dettagli al link che segue: https://www.scribd.com/…/2018-05-14-Avviso-Semestre-Aggiunt…

Vi informiamo a nome dei coordinatori delle LLMM in Ingegneria Meccanica, dell’evento del prossimo ‪18 maggio‬ dalle ore 11.30 ‪alle ore 14.30‬ un incontro con gli allievi del III anno di orientamento in uscita, laureandi e fuoricorso.

La prima parte dell’incontro riguarderà la presentazione delle LLMM in Ingegneria Meccanica e gli importanti risultati ottenuti in termini di tirocini e placement in uscita.

A seguire ci sarà una premiazione dei migliori allievi della LIMEC, III anno, con un attestato per la brillante carriera.

Si tratta di una formula diversa dagli anni precedenti in cui verranno presentate le attività svolte dal gruppo di riesame e quelle di orientamento in uscita.

Si vuole formalizzare l’impegno del CdS verso questa esigenza con un incontro dedicato agli allievi per chiarire loro le prospettive e le opportunità di studio offerte dalla Federico II. Si intendono invitati anche gli studenti di altri percorsi di laurea triennale.

Vi invitiamo a partecipare per fare in modo che questo momento di aggregazione diventi buona prassi da parte del Cds.

Venerdì 18 maggio 2018 alle ore 10.00 nell’Aula Magna della sede di S. Giovanni del nostro Ateneo avverrà il lancio della prima comunità cognitiva italiana per promuovere l’utilizzo di tecnologie di Cognitive Computing, accelerare la ricerca nel medesimo campo e diventare il punto di riferimento e di contatto in Italia per tutti i professionisti. A tale comunità sono invitati e faranno parte rappresentanti di grandi aziende, colleghi di altre università e studenti.

Le attività previste sono:
– Costituzione di un gruppo di lavoro, di condivisione e di scambio da far crescere continuamente;
– Creazione di contatti e relazioni tra la ricerca universitaria e il mondo dell’impresa;
– Pubblicazione di ricerche e partecipare a conferenze internazionali;
– Organizzazione di iniziative per la promozione e la diffusione delle nostre attività.

Di seguito il link di registrazione all’evento:
https://www.eventbrite.it/e/biglietti-italian-cognitive-com…

L’esposizione della popolazione e dei lavoratori ai campi elettromagnetici, fenomeno legato al proliferare di sorgenti artificiali di radiazioni quali stazioni radiobase per la telefonia cellulare, sistemi per il broadcast radiotelevisivo, sottostazioni di trasformazione dell’energia elettrica e processi industriali che sfruttano i campi elettromagnetici (forni ad induzione e forni a microonde industriali) o che li generano come conseguenza del proprio funzionamento (saldatrici), ha generato particolare sensibilità nella popolazione per il possibili effetti sulla salute umana.
Per questo motivo, la Commissione Speciale “Esposizione Umana ai Campi Elettromagnetici” dell’Ordine Degli Ingegneri Della Provincia Di Napoli, in collaborazione con la Scuola Politecnica e delle Scienze di Base – UNINA Federico II, l’Agenzia Regionale per la Protezione Ambiente della Campania, ASSI Ingegneria e BEST Napoli, al fine di favorire l’aggiornamento professionale sul tema dell’esposizione ai campi elettromagnetici e degli strumenti di tutela della popolazione e dei lavoratori, l’informazione della popolazione, e stimolare l’interazione fra Università, Istituzioni ed Ordine, organizza un convegno con l’obiettivo di fornire la 
giusta informazione riportando fatti basati sull’evidenza sperimentale e sulla ricerca scientifica, e per illustrare le azioni che possono e devono essere messe in atto dagli enti preposti alla tutela della popolazione e dei lavoratori.

Registrazione partecipanti iscritti ad un Ordine degli Ingegneri: https://goo.gl/p2AAhz
Registrazione partecipanti *non* iscritti ad un Ordine degli Ingegneri: https://goo.gl/forms/KLS4xIHYFbg6boco1

Si ringrazia sentitamente il prof. Nicola Pasquino per l’organizzazione dell’evento.